5 elementi chiave strutturali di una Landing Page

landing page

Your ads will be inserted here by

Easy Plugin for AdSense.

Please go to the plugin admin page to
Paste your ad code OR
Suppress this ad slot.

5 elementi chiave strutturali di una Landing Page. Partiamo dalla struttura. 

RICORDIAMO CHE:

Il vero obiettivo di queste azioni, ovvero della conversione delle impression in click utili, è l’aggancio del visitatore con il tentativo, che ne conseguirà, di riportare altre volte lo stesso sul sito e, di conseguenza, fidelizzarlo! E’ proprio la fidelizzazione, infatti, l’unico vero obiettivo delle attività del Marketing!

(Vedi anche Cosa è una Landing Page)

landing page

E’ per questo motivo che le Landing Page devono rispettare dei criteri grafici e di contenuti al fine di massimizzare i risultati dello strumento Pagina di atterraggio!

Dal punto di vista strutturale, gli elementi costitutivi di una landing page sono i seguenti: Una Headline ovvero una frase introduttiva accattivante che deve motiva l’utente, con poche parole ma chiare e dirette, a proseguire la lettura della pagina. Deve far capire i contenuti e magari i vantaggi che l’interlocutore potrebbe avere nel proseguire la lettura.

Successivamente dovremmo pensare ad un titolo in H1 ed un sottotitolo in H2 dove andremo ad evidenziare i contenuti principali con colori diversi dal nero (Rosso, blu…). Il titolo dovrà essere accattivante e coinvolgente. Deve incuriosire l’utente e creare domande che necessitano di una risposta per giungere al reale beneficio che poi andremo a proporre: Come dimagrire in 15 giorni, come imparare l’inglese in 2 mesi, come creare una Landing Page perfetta… e così via.

Non potrà ovviamente mancare un’immagine del prodotto/servizio che andremo a proporre. Se quello che “produciamo” sono servizi, ovviamente dovremo cercare di concretizzare le nostre attività nel modo più accattivante e provocatorio possibile, provando a suscitare emozioni, ma allo stesso tempo perfetta realtà. Non mancherà la “soluzione”, anche se implicita, ad eventuali esigenze che l’interlocutore potrebbe avere. Chiaramente, se il nostro lavoro preliminare sarà stato ben fatto ed avremo definito già in precedenza il nostro target di riferimento accadrà che, in percentuali rilevanti, i nostri utenti saranno proprio quelli ai quali siamo interessati. Per semplificare questo aspetto della progettazione della nostra Landing Page, proviamo a guardare la nostra immagine e vedere se risponde a queste domande: che cos’è, cosa fa e cosa non fa, a chi è utile, che problemi risolve, quali bisogni soddisfa, come funziona, quanto costa, che garanzie offre, quale assistenza prevede, quanto è innovativo, quale particolarità lo distingue dalla massa, cosa lo rende unico o superiore alla concorrenza…

Seguirà il messaggio Promozionale! Non facciamo l’errore di pensare che sia l’elemento più importante capace di eclissare gli altri elementi di costruzione, anzi… senza la preparazione precedente gli utenti non giungeranno a questo punto! Il testo promozionale deve essere persuasivo, convincente, con parole possibilmente semplici ed intuibili senza troppi giri di parole! Deve evidenziare i vantaggi che l’utente avrà utilizzando il nostro prodotto e dovranno essere descritte, in breve, le caratteristiche tecniche del nostro prodotto. Cerchiamo magari di far corrispondere l’idea fattasi guardando l’immagine a quella che definiranno i nostri utenti leggendo il testo. Ogni persona ha diversi modi di interagire (comunicare) con il mondo che lo circonda (Visivo, auditivo, cinestesico). Proviamo ad inserire almeno un pezzetto di contenuto valido per tutti i possibili interlocutori!  Non guasta mettere fretta: offerta limitata, sconto per i primi 100 acquirenti…

Call to action. E’ ora di agire! La landing page prepara il terreno, penetra i sentimenti e le esigenze  dell’utente e poi, alla fine, arriva la chiamata all’azione. Diventa in questo caso elemento addirittura ricercato dall’interlocutore. “Ho compreso che mi sarebbe utile il tuo prodotto, lo vorrei acquistare oppure vorrei saperne di più… come posso fare?”. Noi puntiamo alla conversione di questa visualizzazione di pagina cercando di raggiungere uno degli obiettivi che ci siamo prefissati. Esempi tipici sono: compilare un modulo di contatto, iscriversi ad una mailing list o ad una newsletter, fare una telefonata, acquistare un prodotto o un servizio, iscriversi ad un corso o ad un seminario, effettuare il download di un libro/racconto/documento interessante o scaricare la demo di un software, abbonarsi ad un servizio, sottoscrivere un contratto di assistenza, richiedere una consulenza, ecc.

Non dimentichiamo il Brand o il logo dell’azienda. Se anche non venissero eseguite azioni per noi importanti comunque il nostro marchio sarebbe rimasto impresso nella testa di un nuovo utente!

Commenti

commenti

Consigliati per te