5800 € al mese per dormire. Li vorresti?

nasa esperimenti

Your ads will be inserted here by

Easy Plugin for AdSense.

Please go to the plugin admin page to
Paste your ad code OR
Suppress this ad slot.

5800 € al mese per dormire. Li vorresti? Tutti risponderemmo di si, immagino. Eppure non è stata un’impresa semplice per la NASA reclutare persone che si “concedessero” a questo lungo riposo controllato.

Iniziava così, circa un anno fa, l’annuncio pubblicato dall’Ente Spaziale Americano:

If you just can’t get out of bed, NASA might have a mission for you.

A NASA study is recruiting volunteers to to lie in a bed that is tilted downward at a 6 degree angle for 70 days. Subjects who complete the entire bed rest project can earn up to $18,000.

Volete sapere di cosa si trattava? Magari a breve si procederà a nuovi esperimenti di questo genere e VOI potreste essere i candidati ideali! Prima di inviare il vostro curriculum però, conviene che leggiate questo articolo…

Descrizione del “LAVORO” offerto dalla NASA

Lo studio ha lo scopo di verificare le condizioni che gli astronauti potrebbero vivere durante il viaggio nello spazio. La NASA spera di scoprire quali cambiamenti fisici si verificano sugli scienziati durante le missioni spaziali e quanto le corrette condizioni fisiche del corpo siano fondamentali in una persona per completare una specifica funzione. I dati che raccoglieremo saranno utilizzati per sviluppare metodi che permetteranno agli astronauti di riadattarsi sulla Terra più velocemente in seguito alla missione spaziale.

nasa esperimentiDal momento che non c’è gravità nello spazio, gli astronauti non esercitano tanto sforzo e potrebbe non disporre dell’esercizio fisico necessario di cui hanno bisogno per mantenersi in forma.

I ricercatori stanno richiedendo ai partecipanti di dormire in una posizione leggermente inclinata che sarà funzionale a consentire ai fluidi di defluire verso la parte superiore del corpo. Ciò consentirà ai ricercatori di studiare i sintomi cardiovascolari simili a quelli che potrebbero verificarsi nel corso di una spedizione spaziale.

I volontari saranno tenuti a vivere in una struttura di riposo a letto situata in Unità di riposo simili a quelle utilizzate durante le mizzioni della NASA (FARU). Tutto ciò avverrà presso l’Università del Texas Medical filiale a Galveston, Texas. I soggetti verranno divisi in due gruppi. Alcuni saranno tenuti a trascorrere 105 giorni vivendo nella struttura e svolgeranno una serie di esercizi di resistenza in condizioni aerobiche, pur rimanendo a riposo a letto. Gli altri trascorreranno 97 giorni, e non saranno tenuti a fare gli esercizi.

Verranno registrati i dati circa le ossa dei soggetti, muscoli, cuore e sistema circolatorio, sistema nervoso, condizioni nutrizionali e la loro capacità di combattere le infezioni.

Se hanno bisogno di fare la doccia o usare il bagno, la NASA ha un dispositivo di doccia modificato in modo che i soggetti non avranno bisogno di stare in piedi.

Entrambe i gruppi avranno alcuni giorni di recupero in mobilità all’interno della struttura dopo il termine dei 70 giorni.

La NASA pagherà 1.200 dollari la settimana per lo studio che può durare fino a 15 settimane. Lo studio è stato, controllato e considerato sicuro dalla Institutional Review Board della University of Texas Medical Branch a Galveston: una commissione che esamina la sicurezza e l’etica degli studi di ricerca medica con soggetti umani.

Ancora interessato? È necessario essere in forma – un altro requisito è che i partecipanti devono essere non fumatori, in buone condizioni fisiche e devono aver superato il test fisico Air Force Classe III.

“Noi non vogliamo teledipendenti per questo studio ha detto il” Dr. Roni Cromwell, uno scienziato senior di Houston Chronicle.

Il progetto presenta dei potenziali rischi per la salute. Dr. Adam Stein, presidente del reparto di medicina fisica e riabilitazione presso il Sistema Sanitario North Shore-LIJ a Great Neck, NY, scrive CBS News.com , vede come potenziale pericolo la perdita di forza muscolare, la diminuzione di densità ossea e la capacità respiratoria in pazienti che hanno compiuto prolungati periodi di riposo a letto. C’è anche il pericolo di sviluppare problemi urinari e stitichezza.

“Mi aspetto che dopo 70 giorni ci sarebbero modifiche nei sistemi  del paziente”, ha detto, aggiungendo che le persone sane dovrebbero essere comunque in grado di recuperare le loro funzioni di pre-esperimento subito dopo la fine dell’esperimento.

Oltretutto, nelle persone immobili su un letto, si possono verificare problemi della pelle come piaghe da decubito e/o ulcere da decubito, soprattutto perché molti pazienti perdono sensibilità in alcune parti del corpo. Ma, Stein, che non è coinvolto nello studio della NASA, ha detto che  questi volontari saranno in buona salute e di conseguenza il rischio che si verifichino questi problemi resta particolarmente basso.

Quello che è più preoccupate sono i problemi psicologici che si potranno sviluppare. Le persone possono diventare ansiose a causa dell’immobilità e del sapere di essere bloccati a letto per tanto tempo.

“Ho letto un sacco di studi in cui ho pensato che le persone erano pazzi per farlo”, ha detto Stein. “Dovrei davvero preoccuparmi più degli effetti psicologici che di quelli fisici”

Ancora, Cromwell ha detto che “non tutte le persone” sono in grado di fare un ciclo di 70 giorni tutti in una volta.

“I soggetti nello studio dovranno interpretare questo lavoro come un modo per aiutare,” Cromwell ha spiegato. “Grazie a questo studio aiuteremo gli astronauti a restare in buona salute nello spazio”

Heather Archuletta, un imprenditore della NASA per il programma di studi, in precedenza volontario per uno studio di riposo a letto per l’agenzia spaziale nel 2008.

“Anche quando era a volte difficile, ho cercato di ricordare che stavo facendo questo per gli astronauti, in modo che possiamo mantenerli più sani nello spazio”, ha detto a Forbes. “Il giorno mi sono alzato, dopo essere stato a letto per 54 giorni, i miei piedi mi facevano un male pazzescotopo cavia durante i primi passi! Ma, mi sono ricordato, questo è ciò che gli astronauti passeranno quando saranno nello spazio. Essere un tester analogico a terra per gli astronauti è eccitante , perché si arriva a sperimentare un sacco di cose che faranno. ”

Ha aggiunto via e-mail, che lui non ha mai avuto effetti collaterali a lungo termine ed ha recuperato al 100 per cento. Lui non si pente di aver aderito al progetto, e sapeva quando è stato assunto per lo studio che sarebbe stato difficile. Tuttavia, il fatto che egli era in grado di fornire informazioni preziose per la NASA e per gli Stati Uniti ha reso tutto più importante.

Dopo lo studio di micro-gravità, tornò per due ulteriori studi.

Archuletta ha sottolineato che il processo di screening per questi programmi NASA è rigoroso e solo coloro che hanno la giusta personalità e caratteristiche fisiche sono invitati a partecipare.

“Nessun candidato può essere pazzo, storpio, e non sarà  minimamente a conoscenza di quello che stiamo facendo. Le note informative ed i preparativi dureranno settimane. Tuttavia siamo disposti a fare questo per aiutare a trovare modi per mantenere sani gli astronauti in orbita, e soprattutto per quando torneranno sulla Terra.

Commenti

commenti

Consigliati per te